29/03/2006 Roma 29-3-2006 L'ex Caja: "Contro la Carpisa sarà difficile. Occorrerà molto orgoglio"

 

Napoli. Un incrocio pericoloso. Uno di quelli da affrontare con la dovuta cautela. Infatti venerdì sera nell’anticipo del venerdì su SkySport3 la Carpisa andrà a far visita a Roseto dell’ex tecnico Attilio Caja. Napoli, lasciatasi alle spalle la sconfitta esterna subita dalla Whirlpool Varese, ha ripreso ieri gli allenamenti per preparare al meglio la trasferta in casa degli abruzzesi.
La mattinata di Morena e compagni è stata dedicata al lavoro muscolare in palestra, seguito da una lunga riunione in sala video dove sono stati analizzati con il bilancino tutti gli errori commessi a Varese. Poi nel pomeriggio gli azzurri sono andati al PalaBarbuto per effettuare la consueta seduta tecnico-tattica. Grande impegno per Brandon Hunter che continua a lavorare, anche individualmente, per inserirsi quanto prima negli schemi di coach Bucchi. Dopo i due minuti di Masnago il tecnico bolognese prevede per il nuovo arrivato un graduale inserimento nei meccanismi della Carpisa già a partire dalla gara di venerdì sera.
Roseto è un avversario da prendere con le molle. La classifica inganna. La squadra di coach Caja ha attraversato un periodo ricco di traversie sia a livello societario che tecnico. Infatti i problemi economici uniti ai tanti infortuni patiti hanno arenato la barca rosetana in una secca pericolosa. Infatti in questo girone di ritorno, se Napoli ha vinto solo in casa, Roseto ha ottenuto solo un successo su otto incontri. Il momento è delicato soprattutto perché da due settimane Roseto ha anche dovuto rinunciare all’apporto di Flores che è stato rilasciato a causa del complicarsi del suo infortunio al ginocchio, unito però anche ad alcune sue reiterate intemperanze.
“Sarà una partita difficile per noi - esordisce Attilio Caja, coach dai trascorsi napoletani – affronteremo una squadra che sta facendo molto bene, Napoli ha vinto la Coppa Italia, sta disputando un grande campionato e secondo me ancora deve esprimere appieno le sue straordinarie potenzialità. I programmi napoletani sono di altissimo livello e lo testimonia anche il fatto che sono ricorsi al mercato con questo nuovo inserimento di Hunter. Noi numericamente siamo in difficoltà, abbiamo pochi giocatori che giocano tanto. L’ultima nostra sconfitta a Treviso testimonia anche la nostra stanchezza. Napoli in trasferta sta andando male? Anche noi in casa non è che andiamo benissimo, basti pensare che in questa stagione abbiamo vinto più fuori che in trasferta. Ma certamente non ci arrenderemo: Capel è rientrato e questo ci dà fiducia. In ogni caso cercheremo di fare la nostra partita, naturalmente una partita d’orgoglio. Poi si vedrà”.
lucio pengue

[ Chiudi]         [ Stampa ]