09/03/2006 Roma 9-3-2006: Carpisa, è l'ora di ricominciare a volare

 

Napoli. La volata ai play off sta prendendo corpo. Dopo cinque giornate del girone di ritorno ormai gli obiettivi delle diciotto squadre di serie A sono ben chiari. La Carpisa non si può nascondere più. Per due motivi fondamentali. Il primo perché è dall’inizio del campionato che gravita nelle zone alte della classifica primeggiando in quasi tutte le categorie individuali e di squadre. Il secondo perchè è l’unica tra le diciotto squadre ad aver già vinto qualcosa.
Questo girone di ritorno, però, non è iniziato nel modo giusto. Infatti il bilancio, seppur provvisorio, non è confortante. Tre sconfitte e due vittorie. Le sconfitte, in ogni caso, sono arrivate tutte in trasferta e su campi ostici come Milano, Reggio Emilia e Bologna. In questo momento comunque, calendario alla mano, la Carpisa ha bisogno di invertire il trend, anche perché le altre formazioni, che si trovano subito dietro, stanno scalpitando. Napoli nel futuro prossimo ha quattro impegni decisivi. Due gare casalinghe consecutive (Livorno e Treviso) per poi affrontare due insidiose trasferte (Varese e Roseto). La Carpisa deve cercare di ottenere un “filotto” di risultati in modo da dare un bel segnale al campionato ed uno scossone decisivo alla propria classifica.
Questo potrebbe anche apparire un discorso strano e poco illuminato per una squadra che fa della politica del passo dopo passo il proprio credo principale. Ma pianificare il proprio futuro, però, non è così sbagliato. Anche perché le rivali vicine devono ancora affrontarsi in scontri diretti. Domenica, ad esempio, c’è un Benetton-Climamio che potrebbe risultare interessante nell’ottica partenopea. Sempre a patto che la Napoli dei canestri batta Livorno al PalaBarbuto. Il team azzurro deve ad ogni costo sfruttare al meglio questo doppio turno casalingo. Anche perché se il PalaDozza è il fortino inviolabile della Fortitudo, anche il PalaBarbuto lo deve diventare per la Carpisa di coach Bucchi.
Ma Livorno non viene certamente a Napoli per guardare. Questo coach Bucchi lo sa benissimo dal momento che sta facendo un gran lavoro per permettere ai propri giocatori di affrontare il prossimo impegno nelle migliori condizioni possibili. Certo gli acciacchi di alcuni suoi uomini rallentano inevitabilmente il percorso di preparazione al match, ma un tecnico scafato ed esperto come Bucchi, non si lascia raggirare da questi piccoli ostacoli. La cosa importante è che la squadra, che ieri ha ripreso regolarmente gli allenamenti, ha in corpo tanta rabbia per la sconfitta di Bologna che cercherà immediatamente il pronto riscatto.
Nel frattempo la società si sta guardando intorno per tentare di trovare un rinforzo in grado di completare il roster dopo la partenza forzata di Dalipagic. Napoli sta analizzando i profili di tanti atleti che in queste ore vengono proposti dai procuratori al giemme Betti. Sarà difficile scovare l’uomo giusto, ma il general manager romano ci sta provando, sempre con l’avallo del tecnico Bucchi. Ci sono, però, scarsissime probabilità di veder arrivare qualcuno prima del match con Livorno. Infatti i termini per i nuovi tesseramenti scadono domani mattina e quindi è impossibile reperire il visto in tempi così stretti.
Lucio Pengue

[ Chiudi]         [ Stampa ]