Comments (1)

NAPOLI BASKETBALL:chiesta la wild card per la serie A di Sviluppo

Napoli Basketball

Da un’idea di Salvatore Calise nasce ufficialmente il Napoli Basketball srl per riportare il basket di vertice a Napoli.

La neonata società ha trovato l’accordo con l’APD Pontano

Il grande basket tornerà a Napoli. Dopo le recenti delusioni qualcosa si muove per riportare la pallacanestro di vertice in città. Salvatore Calise, da sempre impegnato nel mondo della comunicazione radiotelevisiva, ha fatto partire un mese fa l’Iniziativa popolare per la Rinascita del Basket a Napoli. Il progetto nasce da un attento esame della situazione, proponendosi come primo esempio di reale fusione di tutte le componenti in grado di garantire la vita, anzi, il successo del club.


NAPOLI BASKETBALL srl
, sarà il nome della nascente società di capitali che raccoglierà l’eredità dalla ventennale esperienza dell’APD Pontano Basket Napoli, che continuerà a gestire il reclutamento e l’organizzazione del settore giovanile,fondamentale per la proiezione a lungo termine dell’intero progetto attraverso la satellite Basketlandia. La scelta del nuovo nome è avvenuta attraverso un sondaggio condotto via web tra i tifosi. L’acquisizione dei diritti sportivi per il Campionato Nazionale di Serie A di Sviluppo, rappresenta  il percorso obbligato per riportare la città di Napoli ai massimi livelli nazionali nel più breve periodo di tempo. La formalizzazione della richiesta con relativo esborso della tassa d’ingresso è stata inoltrata in data odierna secondo i tempi ed i modi indicati dalla Federazione Italiana Pallacanestro.

NAPOLI BASKET SUPPORTERS CLUB. Il progetto per la rinascita del basket a Napoli è rivoluzionario nell’ambito del panorama cestistico napoletano e si basa sulla fondazione di un CLUB di supporto formato da almeno mille soci che versano una quota di 100 euro ciascuno, ricevendo in cambio l’abbonamento al campionato in un settore totalmente dedicato ed esclusivo, gadget identificativi, benefit derivanti dall’azione interna al club oltre a quelli offerti dagli sponsor, eleggono un loro rappresentante che entra nel direttivo della società. Il club dei tifosi avrà vita autonoma rispetto alla società e il membro rappresentativo del club che farà parte del consiglio direttivo, cambierà di anno in anno. Al club verrà data una connotazione sociale, oltre che di supporto, che si esprime con la partecipazione alla vita del Napoli Basketball, ma anche con una serie di iniziative collaterali per la promozione sportiva in genere. Tutte le attività sopra descritte saranno svolte in diretto riferimento agli scopi sociali del Napoli Basketball, coordinate dallo stesso e finalizzate a supportare la società nel suo complesso. L’adesione al club avviene mediante sottoscrizione e tutte le spese e i proventi legati al club verranno documentate e rese disponibili attraverso un’apposita sezione del nuovo portale web della società (www.napolibasketball.it) attualmente in fase di costruzione.


POOL DI SPONSOR:
sottoscrivono un contratto almeno biennale, usufruendo di una promozione al marchio che va ben oltre l’evento sportivo, potendo contare da subito, non solo sulla presenza garantita di almeno 1000 tifosi (iscritti al SUPPORTERS CLUB) durante le gare di campionato, ma anche dei numerosi mesi di lancio dell’operazione, oltre che della importantissima interazione commerciale con il SUPPORTERS CLUB. Esprimono anch’essi un loro rappresentante che entra direttamente nel consiglio direttivo della società. La presenza di un pubblico di almeno 1000 persone già all’inizio del campionato, i benefit da dare ai soci del club, l’interazione anche promozionale tra gli sponsor garantiscono un ritorno di immagine di assoluto rilievo.

PER LA PRIMA VOLTA, IL CONSIGLIO DIRETTIVO DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA VEDE LA PRESENZA DECISIONALE IMPORTANTE DI TIFOSI E SPONSOR.

Ufficio Stampa Napoli Basketball

Comments (0)

Incontro Iniziativa Popolare-Pontano Uniti per riportare il basket in città

IL PROGETTO – CALISE: «C’È UN’INTESA DI MASSIMA»

Passare dalle parole ai fatti. La seconda fase del piano ideato da Salvatore Calise sta per prendere corpo. L’Iniziativa Popolare dopo essersi presentata ufficialmente alla città, starebbe infatti mettendo a punto le mosse necessarie per riportare il basket di alto livello in città.
Il sogno di Calise è quello di riuscire ad ottenere la Wild Card per la prossima Lega di Sviluppo passando per l’acquisizione del titolo sportivo del Pontano: «Ci sono già stati degli incontri con la dirigenza del Pontano – ammette Salvatore Calise – e devo dire che ci siamo ritrovati a parlare con grande cordialità uniti da un unico intento: riportare il basket di primo livello a Napoli. Adesso però bisognerà formalizzare un’offerta per acquisire il titolo sportivo necessario per poter accedere alla Wild Card. È un’occasione troppo ghiotta per far ripartire da una serie di tutto rispetto il movimento cestistico partenopeo e per infiammare la piazza che si sta sempre più avvicinando alla nostra iniziativa». Oltre alla componente popolare il progetto di Calise sarà supportato da un pool di investitori pronti a scommettere sulla rinascita del basket napoletano: «Posso dire che i miei interlocutori sono rimasti molto colpiti dalla lungimiranza di questa iniziativa – continua lo l’ideatore dell’Iniziativa Popolare – ed hanno accolto con grande entusiasmo la possibilità di ripartire da subito dal terzo campionato  nazionale. Insomma ci sono tutti gli ingredienti per provarci anche se i tempi sono corti».

Fonte Il Roma – Nicola Alfano

Comments (0)

Mason Rocca e Lynn Greer testimonial d’eccezione per l’iniziativa popolare di rinascita basket napoli

incorporato da Embedded Video

YouTube Direkt

Mason Rocca e Lynn Greer per l’iniziativa popolare rinascita basket napoli

Comments (0)

Il patron di S.Antimo riflette sull’ipotesi di un trasferimento al PalaBarbuto anche in Lega 3: previsto un summit a Palazzo S.Giacomo

Uscito allo scoperto sulla possibilità di trasferire il suo club a Napoli, Aniello Cesaro, patron di S.Antimo, aspetta ora un contatto diretto con Palazzo San Giacomo. La disponibilità c’è già, ma resta da fissare materialmente in agenda una data per il summit.

L’argomento resta quello: il ritorno in città attraverso il trasloco del club biancorosso, che oggi milita in A Dilettanti ma che, col quarto posto in classifica già assicurato, è comunque certo di prendere parte alla Lega3 che nascerà in estate. Un particolo di non poco conto perchè Cesaro ha fatto sapere di essere pronto a traslocare al PalaBarbuto anche nel caso in cui il suo club non riesca, attraverso il campo, a conquistare la Lega2.

L’architetto non pretenderebbe neppure la gestione del PalaBarbuto, come paventato in un primo tempo, ma solo l’uso gratuito dell’impianto. Cosa che Palazzo San Giacomo, probabilmente a prescindere dal colore politico che lo governerà dopo le elezioni, potrebbe concedere. Le manovre più o meno sotterranee per la rinascita della Napoli dei canestri sono iniziate già da un pò, ma da qui a due mesi dovrà essere trovata una soluzione.

Convitato di pietra la Fip, a cominciare da quella regionale: elogi bipartisan e la sensazione che si aspetti il cavallo più favorevole per saltarci su ed entrare trionfalmente nell’operazione rinascita.

Il Pontano, che regolamento alla mano potrebbe chiedere la wild card per la Lega3, è pronto a versare 10 mila euro della preiscrizione, ribadendo però di essere pronto a farsi da parte. diversa la posizione di Iniziativa Popolare, che sogna di acquistare un titolo di B Dilettanti.

La posizione del leader Salvatore Calise è critica nei confronti dell’ipotesi S.Antimo e in una nota diffusa ieri arriva addirittura a parlare di “una squadra che non porta i nostri colori”. Un autogol che rischia di provocare malumore tra i tifosi. Perchè S.Antimo non si trasferirebbe certo al PalaBarbuto per giocare mantenendo denominazione e colori sociali e perchè il passato recente dovrebbe insegnare che più che la vena “purista”, contano i soldi e la solidità di club e progetti. Requisiti che Cesaro, da anni ai vertici delle minors col suo Club, ha dimostrato ampiamente di avere.

Marcello Altamura

fonte Cronache di Napoli

Comments (0)

Nasce un nuovo canale per tutte le informazioni riguardo l’Iniziativa Popolare Rinascita Basket Napoli

Per essere aggiornate su tutte le iniziative, per partecipare alla scelta del nome della squadra o del suo “Soprannome”, per avere tutte le informazioni possibili nasce un nuovo canale:

http://azionebasketnapoli.wordpress.com/

che si aggiunge all’attivissimo gruppo su facebook

http://www.facebook.com/azionebasketnapoli

e all’email al quale far pervenire le adesioni

la pulcetta
redazione Basketime.it

Comments (0)

SALVATORE CALISE A VILLAGE BASKET

Village Basket

Domani, martedì 22 marzo 2011, alle 21.30 ritorna su TeleCapriSport “Village Basket”, il rotocalco televisivo dedicato al mondo della pallacanestro napoletana ideato da Savio Panico, presentato da Lucio Pengue e Ilaria Mennozzo e curato da Giuseppe Cacciapuoti.

Nella diciannovesima puntata del talk show sulla pallacanestro, tornerà a farci visita Salvatore Calise, promotore dell’iniziativa legata alla rinascita del basket a Napoli e racconterà dell’incontro avvenuto sabato scorso, durante il quale ha presentato alla stampa ed alla città i dettagli del proprio progetto. Con lui siederanno in studio, Vanessa Gidden, pivot d’ebano della Jobgate Napoli ed un rappresentante della Tecfi Giugliano. In collegamento da Capri ci sarà il consueto intervento del direttore di TeleCapri Sport, Francesco Pezzella.

All’interno della trasmissione ci saranno, come sempre, servizi filmati ed interviste. E’ possibile intervenire, porgendo domande agli ospiti in studio, inviando una email all’indirizzo [email protected] Sul sito ufficiale del programma, www.villagebasket.it è possibile rispondere ai sondaggi proposti e rivedere le vecchie puntate della trasmissione. La replica di questa puntata di Village Basket andrà in onda, sempre su TeleCapri Sport, venerdì 25 marzo alle ore 24.

Redazione Village Basket

Comments (1)

Iniziativa Popolare per la Rinascita del Basket

Ore 11.00 Fnac Napoli. I volti sono quelli conosciuti, le facce da basket della domenica pomeriggio al palazzetto.

Alcuni volti sono più sorridenti ed emozionati degli altri. Sono quelli di Salvatore Calise, Giuseppe Cacciapuoti e Lucio Pengue che, coadiuvati da Antonio Ambrosino, presentano l’iniziativa di cui si comincia a parlare con più insistenza.

Vengono fissati i punti base del progetto e svelate le novità nate negli incontri degli ultimi giorni anche grazie ai suggerimenti arrivati via mail e su facebok.

Il progetto nasce dalla mancanza di imprenditori disposti ad investire personalmente e per riportare il basket, quello che conta, a Napoli.

Ci saranno due fasi principali con delle tempistiche precise:

Fino a fine aprile si continueranno a raccogliere le adesioni attraverso la mail . Fondamentale è raccogliere 1000 adesioni. Nel contempo si attuerà un’azione per verificare l’interesse di aziende interessate al progetto per almeno due anni, anche forti delle adesioni e dell’interesse suscitato dagli appasionati del basket.

La seconda fase entro fine maggio si articolerà nella raccolta effettiva delle quote, nella costituzione ed affiliazione alla F.I.P. della società sportiva a responsabilità limitata, definizione degli accordi di partnership

La novità è che le quote di adesioni saranno di € 100,00 (più basse rispetto a quelle annunciate in precedenza e già da alcuni sottoscritte). Questo anche per agevolare l’adesione da parte di tutti.

I benefit derivanti dall’adesione sono:

- appartenenza al club dei tifosi fondatori
- abbonamento al settore esclusivo riservato
- gadgetistica del team
- sconto su merchandising
- vantaggi, sconti e promozioni offerte dalle aziende sponsor

Chi ha già sottoscritto le quote da € 250,00 sarà contattato dal comitato che proporrà l’adeguamento della quota a € 100,00 o il mantenimento della quota  a € 250,00 che darà diritto a 3 abbonamenti come premio per aver appoggiato l’iniziativa ancor prima della definizione della stessa.

La società sarà così composta:

10 soci fondatori

Il consiglio direttivo sarà composto da 5 membri:

3 soci fondatori

1 rappresentate degli sponsor

1 eletto dal club dei tifosi fondatori

Si perchè i tifosi fondatori avranno il diritto di eleggere il proprio rappresentante che avrà voce nel consiglio direttivo.

Il progetto nasce libero da qualsiasi influenza politica, imprenditoriale. E’ solo la voglia di alcuni appassionati che si rivolgano ad altri appassionati con un’idea definita per riportare il basket a Napoli.

Ben vengano aiuti e consigli esterni, e soprattutto sottoscrizioni da chiunque interessato al progetto così definito anche se aperto a miglioramenti di qualsiasi genere.

Anche i tifosi organizzati guardano con interesse e simpatia questa iniziativa, attendendo il ritorno del Basket a Napoli e soprattutto nei posti che gli competono.

Allora non ci resta che mandare la nostra promessa all’indirizzo mail

di iscriversi al gruppo facebok per seguire il progresso del progetto http://www.facebook.com/azionebasketnapoli

Presto partirà anche un sondaggio per la scelta del nome della squadra, tra alcuni già pensati e altri proposti da noi tifosi

A breve on line il video della conferenza stampa

la pulcetta
redazione Basketime.it

Pagina 1 di 1412345»10...Last »

-->