Comments (0)

Ritorno nel basket: tentazione per Carpisa

Il Roma

Il Roma

Il presidente Carlino apre a Calise: “Ci piace il loro impegno. Ma prima bisogna vedere il progetto”.

NAPOLI. Sarà la tartaruga che porta fortuna, ma quando si associa il nome Carpisa a quello del mondo sportivo diventa difficile non pensare a qualcosa di positivo e di vincente. Lo storico marchio napoletano, in abbinamento con Yamamay, è diventato nel corso degli anni un vero e proprio punto di riferimento per lo sport partenopeo. Una storia iniziata con il connubio con il Posillipo, proseguita con il Napoli Basket e poi continuata in tanti altri sport. Gli ultimi successi targati Carpisa Yamamay sono legati alla cavalcata dell’Acquachiara (in corsa per la promozione in serie A1 di pallanuoto) alle ragazze del calcio femminile, all’impegno del basket in carrozzina, alle avventure di Diego Testa nell’offshore.

Ma il connubio che forse viene ricordato più di tutti è quello con il basket, il Napoli Basket che nel 2006 con marchio Carpisa alzò al cielo la Coppa Italia. Un connubio che è tornato alla mente solo qualche giorno fa, quando il brand napoletano ha deciso di acquisire all’asta la Coppa Italia dopo il fallimento della società dell’avvocato Maione: “E’ una cosa che abbiamo sentito di dover fare” spiega il presidente Lello Carlino “Tutti i nostri soci sentivano che era la cosa giusta. Ed è stato ancora più bello per come si è realizzata visto che al tavolo dell’asta ci siamo ritrovati con altri appassionati di pallacanestro, è stata un’asta tra amici. Per questo motivo, dopo l’acquisizione abbiamo deciso di mettere a disposizione dei tifosi e della città questo storico trofeo”. Al tavolo con i rappresentanti della nuova Napoli Basketball e della Banca Popolare del Mediterraneo, sponsor che ha deciso di affiancare la società di Calise, sembra essere scattata anche una scintilla per il futuro. “Ho visto delle persone perbene e motivate” aggiunge Carlino ”a loro ho detto che siamo pronti per dare il nostro appoggio. Non c’è nessun impegno formale in questo momento, ma noi siamo sempre a favore di progetti puliti, siamo un’azienda pulita e crediamo in un certo modo di lavoro. Mi è piaciuto il loro modo di affacciarsi a questo mondo, la loro intenzione di iniziare dal basso con serietà e competenza”. Nessun accordo, ma sicuramente un’apertura c’è stata: “Prima voglio vedere il progetto e poi, perché no, potremmo decidere se iniziare una collaborazione. Del resto il nostro impegno nel mondo dello sport a Napoli e non solo ha più di una dimostrazione. Io sono ottimista, vedremo se riusciremo a trovare un punto d’incontro”. Napoli spera, sogna la sua nuova squadra targata Carpisa: anche solo perché la tartaruga porta fortuna.

Gerry Capasso – Il Roma

Comments (0)

I TROFEI DEL BASKET NAPOLI TORNANO AI TIFOSI E ALLA CITTA’

da sx verso dx: Avv. De Simone, Gennaro Fusco (Pres. BPMed), Salvatore Calise, Raffaele Carlino. Seduto Carlo Palmieri.

Kuvera Spa, proprietaria del marchio Carpisa, e Banca Popolare del Mediterraneo (BPMed), sponsor del Napoli Basketball, rendono noto che alla vigilia dell’asta per l’aggiudicazione dei trofei appartenuti alla SS Basket Napoli, hanno condiviso l’interesse della tifoseria e della pallacanestro napoletana: salvare i trofei del Basket Napoli che appartengono idealmente anche ai tifosi azzurri, per evitare che tali cimeli fossero acquisiti da soggetti che nulla hanno a che vedere col basket partenopeo.

All’apertura della procedura di aggiudicazione si è presentato anche l’avv. Gian Nicola De Simone, grande appassionato di basket, già voce delle radiocronache del Napoli Basket, quale terzo partecipante all’asta e con le medesime motivazioni di salvaguardia dei valori sportivi della città.

Carpisa, aggiudicataria dei trofei, dichiara di mettere a disposizione dei tifosi e della città di Napoli attraverso il nuovo team di basket cittadino “BPMed Napoli Basketball”, la Coppa Italia 2006 e gli altri trofei che saranno custoditi nella sede napoletana della società Carpisa ed esposti in occasione di altri eventi.

BPMed Napoli Basketball, per festeggiare il ritorno dei trofei nella disponibilità dei tifosi e della città, organizzerà, in una data che verrà successivamente comunicata, una grande maratona del basket. In tale occasione i tifosi, oltre a partecipare attivamente all’evento, scendendo in campo, avranno l’opportunità di visionare i trofei che hanno dato lustro alla storia recente del basket partenopeo, grazie ad una primaria azienda napoletana come Carpisa.

Ufficio Stampa Carpisa

Ufficio Stampa Banca Popolare del Mediterraneo

Ufficio Stampa Napoli Basketball

Comments (0)

BPMED E NAPOLI BASKETBALL PARTECIPANO ALL’ASTA PER I TROFEI DEL BASKET NAPOLI

Napoli Basketball

Calise: “Onorata la promessa fatta ai tifosi”. Fusco: “Uniti dalla stessa determinazione”
Napoli Basketball, grazie alla collaborazione con la Banca Popolare del Mediterraneo, conferma la propria partecipazione all’asta per l’aggiudicazione dei trofei appartenuti alla SS Basket Napoli ed in particolare della prestigiosa Coppa Italia conquistata nel 2006.
Queste le parole del Presidente del Napoli Basketball, Salvatore Calise: “Abbiamo partecipato all’asta per onorare la promessa fatta ai tifosi del basket partenopei, per scongiurare l’eventualità che i trofei non trovassero acquirenti. L’operazione avviene attraverso gli amici di BPMed  che con questa  iniziativa ufficializzano il loro ingresso nel mondo basket napoletano. Li ringraziamo fin d’ora  per tutto quello che faranno per il movimento della pallacanestro napoletana e siamo onorati di averli al nostro fianco, fiduciosi che questo sia solo il primo passo di un cammino fortunato”.

Il Presidente della Banca Popolare del Mediterraneo, Dottor Rino Fusco, è un convinto promotore della nostra operazione: “La Banca Popolare del Mediterraneo ha inteso partecipare all’acquisto dei trofei del Napoli Basket in quanto l’iniziativa portata avanti con tenacia da Salvatore Calise, in qualche modo riflette lo spirito e la determinazione con il quale ho dato vita insieme ad altri promotori e praticamente dal nulla, al nuovo istituto di credito cittadino. La città deve riappropriarsi dei suoi valori e delle sue competenze siano quelle finanziare o sportive. Del resto la connotazione di Banca Popolare riassume quei concetti di aggregazione, di unione e quindi di squadra.  Queste iniziative dimostrano che anche in territori difficili come il nostro, si possono esprimere delle eccellenze. BPMed e Napoli Basketball possono contribuire ad alzare l’asticella dei valori di solidarietà, culturali e sportivi con beneficio di tutta la comunità. In concreto e non solo a parole!” 

Ufficio Stampa Napoli Basketball

Comments (0)

NAPOLI BASKETBALL, ARRIVANO I PRIMI DUE SPONSOR

Napoli Basketball

Raggiunti i primi due accordi per la futura sponsorizzazione della neonata società

Napoli Basketball, società costituenda che, attraverso l’APD Pontano Napoli ha presentato domanda per l’ottenimento della wild card per l’accesso al futuro Campionato Nazionale di Serie A di Sviluppo, è lieta di annunciare di aver raggiunto un importante accordo di sponsorizzazione con due primarie realtà imprenditoriali cittadine.

La Banca Popolare del Mediterraneo, autorizzata dalla Banca d’Italia con decreto del 23 dicembre 2010, si propone di essere un istituto di credito vicino alle esigenze del territorio e alle realtà imprenditoriali campane.
BPMed è la banca che nasce per realizzare un nuovo modo di “fare banca” proponendosi come un affidabile riferimento per il mondo imprenditoriale: industria, artigianato, agricoltura, turismo, servizi, associazionismo; per quello professionale, per la pubblica amministrazione, per le famiglie e per i consumatori.

Radio Kiss Kiss Napoli, la radio della città, nasce nel 1987, fondata da Antonio Niespolo. Da sempre punto di riferimento per i radioascoltatori campani, offre un ricco palinsesto che spazia dalla musica all’informazione, con particolare attenzione al mondo dello sport cittadino e nazionale. Proprio lo sport è diventato negli anni uno dei fiori all’occhiello dell’emittente: oltre al format Radio Goal, infatti, Radio Kiss Kiss Napoli ha stretto numerosi accordi che le hanno permesso di essere la radio ufficiale dei principali eventi sportivi presenti in città.

I due accordi di sponsorizzazione si perfezioneranno nel momento in cui la Federazione Italiana Pallacanestro ratificherà la concessione della wild card ed i contratti avranno durata biennale. Per la neonata società cestistica partenopea si tratta di un primo importantissimo passo per la realizzazione di un progetto che vede assoluti protagonisti, uniti da un unico intento, società, tifosi e sponsor.

Ufficio Stampa Napoli Basketball

Comments (0)

Intervista a Salvatore Calise su Kiss Kiss

Kiss Kiss Napoli

Kiss Kiss Napoli

Salvatore Calise intervistato da Valter de Maggio per Radio Kiss Kiss presenta i primi due sponsor del Napoli Basketball Srl

E’ possibile riascoltare l’intervista cliccando sul riquadro “Le nostre interviste”.


-->